Decreto Rettorale 7 febbraio 2002, n° 41/3

  IL RETTORE

VISTA la Legge 9/5/89, n. 168;

VISTA la legge 19/11/90 n. 341 ed in particolare l'art. 11;

VISTO il Decreto Rettorale 24/3/93, n. 142 con cui è stato emanato lo Statuto generale d'Ateneo dell'Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna e successive modifiche;

VISTO l'art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni e integrazioni, recante disposizioni generali sull'ordinamento degli studi universitari e la tipologia dei titoli di studio rilasciati dalle università;

VISTO il Regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei, emanato dal Ministro dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica in attuazione di tale legge, con decreto 3 novembre 1999, n. 509 ed in particolare l'art. 12 comma 1;

VISTI i decreti ministeriali 23 dicembre 1999 e 26 giugno 2000 concernenti la rideterminazione dei settori scientifico-disciplinari;

VISTO il decreto ministeriale 4 ottobre 2000 concernente la declaratoria dei contenuti dei settori scientifico-disciplinari come rideterminati dai precitati decreti ministeriali;

VISTO il Decreto di Determinazione delle classi delle lauree universitarie del Ministro dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica 4 agosto 2000;

VISTO il Decreto di Determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche del Ministro dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica 28 novembre 2000;

VISTO il Decreto Rettorale 12/10/2001 n. 294/46 con cui è stato emanato il nuovo Regolamento Didattico di Ateneo;

VISTO il Regolamento Didattico della Facoltà di Architettura - sede di Cesena - emanato con D.R. 3/08/2001 n. 220/39 e successive modifiche;

VISTE le delibere del 27/02/2001 e successive modificazioni e integrazioni con cui la Facoltà di Architettura - Sede di Cesena ha approvato il Regolamento Didattico del corso di studio;

VISTA la delibera con la quale il Senato Accademico, nella seduta del 10/12/01, ha approvato il Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Architettura - sede di Cesena, relativamente agli assetti didattici, fatta salva ogni ulteriore integrazione;

RITENUTO che sia pertanto compiuto il procedimento amministrativo previsto per le modifiche del Regolamento Didattico della Facoltà di Architettura - sede di Cesena;

DECRETA:

- Art. 1 -

1. Al Regolamento Didattico della Facoltà di Architettura -sede di Cesena - emanato con D.R. 3/08/01 n. 220/39 e successive modifiche, dopo il Titolo I è aggiunto il "Titolo II" relativo al Regolamento Didattico di Corso di Laurea Specialistica in Architettura di cui al D.M. 509/99, il cui testo è allegato al presente decreto del quale costituisce parte integrante.

- Art. 2 -

1. Al Titolo I del Capo IV del Regolamento di Facoltà di Architettura - sede di Cesena - dopo l'art. 19 (Disposizioni finali) è aggiunto il seguente articolo:
"Art. 20 (Norme Transitorie)
1. Le norme comuni ai Corsi di Studio di cui al Titolo I del presente Regolamento si applicano solo in quanto compatibili con le disposizioni di legge e regolamentari in vigore.".

- Art. 3 -

1. Il presente decreto, inviato in pubblicazione sul Bollettino Ufficiale di Ateneo, entra in vigore dalla data di emanazione.

Bologna, 7 febbraio 2002

 IL RETTORE
(f.to Prof. Pier Ugo Calzolari)

_____________

Capo I

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ARCHITETTURA

CLASSE:4/S - Architettura e Ingegneria Edile

Art. 1 Piano Didattico

1. Il piano didattico del Regolamento della Laurea specialistica in Architettura è illustrato nell'Allegato A.

Art. 2 Attività Didattica

1. L'attività didattica del Corso di Laurea Specialistica Europea in Architettura si articola in una parte formativa orientata all'apprendimento e alla conoscenza di teorie, metodi e discipline ed in una parte teorico-pratica orientata all'apprendimento e all'esercizio del "saper fare" nel campo delle attività strumentali o specifiche della professione.

2. Per lo svolgimento dell'attività teorico-pratica (comprensiva di esercitazioni, attività guidate, prove di accertamento, correzione e discussione di elaborati, ecc.) nella Facoltà vengono istituiti dei Laboratori, sotto la responsabilità di un docente, professore ufficiale della disciplina caratterizzante il Laboratorio medesimo.

3. Essi sono strutture didattiche che hanno per fine la conoscenza, la cultura, la pratica e l'esercizio del progetto. Gli studenti ne hanno l'obbligo di frequenza, che è accertata dal docente responsabile del Laboratorio. 3. L'attività del Laboratorio si conclude con una prova d'esame, ad eccezione del laboratorio di sintesi finale, come di seguito specificato.

4. Per assicurare una idonea assistenza didattica, anche secondo quanto previsto dalla raccomandazione CEE n.3 del 13-14 marzo 1990, nei Laboratori dovrà essere assicurato un rapporto personalizzato tra discenti e docente tale da consentire il controllo individuale della pratica del progetto; pertanto non potranno essere ammessi più di 50 allievi per ogni Laboratorio. Laddove previsti, i Laboratori integrativi si svolgeranno da un punto di vista didattico in stretta connessione con i Laboratori di riferimento.

5. Nel Laboratorio di sintesi finale lo studente è guidato, in accordo al proprio piano di studi, attraverso l'apporto di più discipline alla matura e completa preparazione di un progetto nei diversi campi dell'applicazione professionale. Il Laboratorio di sintesi finale non prevede un esame di profitto, ma rilascia una ammissione all'esame di laurea certificata dai docenti che hanno condotto il Laboratorio frequentato dall'allievo.

Art. 3 Coerenza fra i crediti assegnati alle attività formative e gli obiettivi formativi programmati (acquisito il parere delle commissioni didattiche paritetiche)

1. Determinata dal C.d.F. su parere della Commissione Didattica di Facoltà del 27/02/01 (V. ART. 9 RDA).

Art. 4 Modalità di svolgimento di ciascuna attività formativa

1. Per gli insegnamenti monodisciplinari e i moduli è previsto lo svolgimento di attività didattiche articolate in annualità (120 ore), mezza annualità (60 ore) e un quarto di annualità (30 ore), con ore lezioni di attività frontale nel limite massimo del monte ore indicato.

2. Per i Laboratori , secondo quanto previsto dalla raccomandazione CEE, dovrà essere previsto un rapporto personalizzato fra discenti e docente e pertanto non potranno essere ammessi più di 50 allievi per ogni Laboratorio. Laddove previsti, i Laboratori integrativi si svolgeranno da un punto di vista didattico in stretta connessione con i Laboratori di riferimento.

3. In ogni Laboratorio, corrispondente a 1 annualità (180 ore) o frazioni di annualità, è prevista una specifica disciplina caratterizzante, con ore lezioni di attività frontale nel limite massimo del monte ore indicato. Per quanto non indicato qui si fa riferimento agli Artt. 31 e 32 del Regolamento Didattico di Ateneo.

4. Per il completamento delle ore assegnate a ciascuna attività formativa, sono previste esercitazioni pratiche e/o di laboratorio, studio individuale assistito e prove in itinere per accertare il profitto.

Art. 5 Tipologia delle forme didattiche (anche a distanza)

1. Non è prevista la disponibilità in modalità remota delle attività formative del CdL.

Art. 6 Propedeuticità

1. Gli esami di Laboratorio di Progettazione Architettonica I , Laboratorio integrativo di Progettazione Architettonica I, Storia dell'Architettura Antica, Disegno e Caratteri Distributivi degli Edifici sono propedeutici all'esame di Laboratorio di Progettazione Architettonica II.

2. Gli esami di Laboratorio di Progettazione Architettonica II, Storia dell'Architettura Moderna e Laboratorio di Costruzione dell'Architettura I sono propedeutici all'esame di Laboratorio di Progettazione Architettonica III.

3. Gli esami di Laboratorio della Progettazione Architettonica III, Storia dell'Architettura Contemporanea, Scienza delle Costruzioni, Fisica Tecnica Ambientale I e Teoria della Composizione Architettonica sono propedeutici all'esame di Laboratorio di Progettazione Architettonica IV.

4. L'esame di Storia dell’Arte Moderna è propedeutico agli esami di Storia dell'Architettura Antica, Storia dell'Architettura Moderna, Storia dell'Architettura Contemporanea.

5. L'esame di Storia dell’Architettura Antica è propedeutico all'esame di Storia dell'Architettura Moderna.

5. L'esame di Storia dell'Architettura Moderna è propedeutico all'esame di Storia dell'Architettura Contemporanea.

6. L'esame di Analisi dei sistemi urbani e territoriali è propedeutico all'esame di Laboratorio di Urbanistica.

7. Gli esami di Laboratorio di Urbanistica e di Laboratorio integrativo di Urbanistica sono propedeutici all'esame di Tecnica Urbanistica.

8. Gli esami di Laboratorio di Progettazione Architettonica III, Teoria e Storia del Restauro e Strutture e Statica nell'Architettura sono propedeutici all'esame di Laboratorio di Restauro Architettonico.

9. L'esame di Materiali e Progettazione di Elementi Costruttivi è propedeutico agli esami di Laboratorio di Costruzione dell'Architettura I e Laboratorio integrativo di Costruzione dell'Architettura I.

10. Gli esami di Laboratorio di Progettazione Architettonica II, Laboratorio di Costruzione dell'Architettura I e Laboratorio integrativo di Costruzione dell'Architettura I. sono propedeutici all'esame di Progettazione Esecutiva dell'Architettura.

11. L'esame di Disegno è propedeutico all'esame di Disegno dell'Architettura.

12. L'esame di Matematica è propedeutico all'esame di Fisica Tecnica.

13. Gli esami di Matematica e Istituzioni di Matematiche I sono propedeutici agli esami di Istituzioni di Matematiche II, di Strutture e Statica nell'Architettura.

14. L'esame di Istituzioni di Matematiche II è propedeutico agli esami di Matematica Applicata, e di Scienza delle Costruzioni.

15. L'esame di Strutture e Statica nell'Architettura è propedeutico all'esame di Scienza delle Costruzioni.

16. L'esame di Scienza delle Costruzioni è propedeutico all'esame di Laboratorio di Costruzione dell'Architettura II.

17. L'esame di Laboratorio di Progettazione Architettonica III è propedeutico all'esame di Valutazione Economica dei Progetti.

18. L'esame di Fisica Tecnica è propedeutico all'esame di Fisica Tecnica Ambientale.

19. La Prova di Conoscenza della Lingua Inglese è propedeutica agli esami del terzo, del quarto e del quinto anno.

Art. 7 Obblighi di frequenza

1. La frequenza dei Laboratori è obbligatoria e sarà attestata dai Docenti responsabili.

2. Per il Tirocinio si applicano le norme di un apposito Regolamento deliberato dalla Facoltà, che disciplinerà anche le modalità di riconoscimento dei crediti.

Art. 8 Requisiti curriculari per l'ammissione alla Laurea Specialistica

1. Diploma di scuola secondaria superiore, o titolo estero riconosciuto idoneo, e verifica a mezzo test della preparazione su argomenti di storia, disegno e rappresentazione, matematica e fisica, logica e cultura generale. Il numero degli studenti ammessi è programmato in base alla programmazione nazionale ed alla disponibilità di docenti e strutture didattiche.

Allegato A

PIANO DIDATTICO

Tabella 1

PIANO DELLE ATTIVITA' FORMATIVE

Legenda

SSD: Settore scientifico disciplinare
CFU: credito formativo unitario
AF: Attività formativa
B: di base
C: caratterizzante
A: affine

Primo Anno

N.

ATTIVITA’ FORMATIVE

 

SSD

AF

ORE LEZIONE FRONTALE

CFU

TOT. CFU

1

CARATTERI

DISTRIBUTIVI DEGLI EDIFICI

 

ICAR/14

C

40

4

4

2

LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA I

CONTENUTO DISCIPLINARE: ARCHITETTURA E COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA I

ICAR/14

C

 

 

 

50

 

8

8

3

LABORATORIO INTEGRATIVO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA I

CONTENUTO DISCIPLINARE: DISEGNO(DAL VERO)

ICAR/17

B

40

4

4

4

STORIA DELL’ARTE MODERNA

 

L.ART/02

A

20

2

2

5

STORIA DELL’ARCHITETTURA ANTICA

 

ICAR/18

 

B

 

80

 

8

 

8

6

MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI

 

ICAR/12

C

80

8

8

7

MATEMATICA

(CORSO INTEGRATO)

INTRODUZIONE ALLA MATEMATICA

FONDAMENTI DI MATEMATICA

MAT/05

 

MAT/05

B

 

B

 

20

 

40

2

 

3

5

8

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE I

 

MAT/05

 

A

 

50

 

5

 

5

9

DISEGNO

(CORSO INTEGRATO)

DISEGNO

FONDAMENTI E APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA

ICAR/17

ICAR/17

B

B

40

40

4

4

8

10

FISICA TECNICA

 

 

ING-IND/10

A

40

4

4

Totale

540

56

Secondo Anno

N.

ATTIVITA’ FORMATIVE

 

SSD

AF

ORE LEZIONE FRONTALE

CFU

TOT. CFU

1

LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA II

(CORSO INTEGRATO)

ARCHITETTURA E COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA II

ANALISI DELLA MORFOLOGIA URBANA E DELLE TIPOLOGIE EDILIZIE

ICAR/14

 

 

ICAR/14

C

 

 

C

50

 

 

25

 

7

 

 

2,5

9,5

2

STORIA DELL’ARCHITETTURA MODERNA

 

ICAR/18

B

80

8

 

8

3

STRUTTURE E STATICA NELL’ARCHITETTURA

 

ICAR/08

C

80

8

8

4

LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL’ARCHITETTURA I

CONTENUTO DISCIPLINARE: PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI

ICAR/10

 

C

 

 

50

 

 

8

 

 

8

5

LABORATORIO INTEGRATIVO DI COSTRUZIONE DELL’ARCHITETTURA I

(CORSO INTEGRATO)

MATERIALI NATURALI DA COSTRUZIONE

STORIA DELLE TECNICHE ARCHITETTONICHE

GEO/05

 

 

ICAR/18

B

 

 

B

15

 

 

30

1,5

 

 

3

4,5

6

NORMATIVE URBANISTICHE

(CORSO INTEGRATO)

DIRITTO URBANISTICO

DIRITTO DELL’AMBIENTE

IUS/10

 

IUS/10

A

 

A

20

 

20

2

 

2

4

7

ANALISI DEI SISTEMI URBANI E TERRITORIALI

ICAR/20

C

40

4

4

8

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE II

MAT/05

A

40

4

4

9

DISEGNO DELL’ARCHITETTURA

 

ICAR/17

B

80

8

 

8

Totale

530

58

Terzo Anno

N.

ATTIVITA’ FORMATIVE

 

SSD

AF

ORE LEZIONE FRONTALE

CFU

TOT. CFU

1

TEORIE DELLA COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA

 

ICAR/14

C

40

4

4

2

LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA III

(CORSO INTEGRATO)

COMPOSIZIONE ARCHITETTONICAI

FORME STRUTTURALI

ICAR/14

 

ICAR/08

C

 

C

50

 

30

8

 

3

11

3

STORIA DELL’ARCHITETTURA CONTEMPORANEA

 

ICAR/18

 

B

80

8

 

 

8

4

TEORIA E STORIA DEL RESTAURO

 

ICAR/19

C

40

4

4

5

SCIENZA DELLE COSTRUZIONI

 

ICAR/08

C

80

8

8

6

PROGETTAZIONE ESECUTIVA DELL’ARCHITETTURA

 

ICAR/12

C

80

8

8

7

LABORATORIO DI URBANISTICA

CONTENUTO DISCIPLINARE:

URBANISTICA

 

ICAR/21

C

50

 

8

 

8

8

LABORATORIO INTEGRATIVO DI URBANISTICA

CONTENUTO DISCIPLINARE:

CARTOGRAFIA TEMATICA PER L’ARCHITETTURA E PER L’URBANISTICA

ICAR/17

B

30

3

3

9

FISICA TECNICA

AMBIENTALE

 

ING-IND/11

C

 

80

 

8

 

8

Totale

560

62

Quarto Anno

N.

ATTIVITA’ FORMATIVE

 

SSD

AF

ORE LEZIONE FRONTALE

CFU

TOT. CFU

1

LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA IV

(CORSO INTEGRATO)

COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA II

PROGETTO ESECUTIVO DELL’ARCHITETTURA

ICAR/14

 

ICAR/12

C

 

C

45

 

20

7

 

3

10

2

LABORATORIO DI RESTAURO ARCHITETTONICO

CONTENUTO DISCIPLINARE:

RESTAURO ARCHITETTONICO

ICAR/19

 

C

50

 

8

 

8

3

LABORATORIO INTEGRATIVO DI RESTAURO ARCHITETTONICO

CONTENUTO DISCIPLINARE:

TECNONOLOGIA DEI MATERIALI E CHIMICA APPLICATA

ING-IND/22

A

30

3

3

4

LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL’ARCHITETTURA II

(CORSO INTEGRATO)

TEORIA DELLE STRUTTURE

 

PROGETTO DELLE STRUTTURE

PROGETTAZIONE EDILE ASSISTITA

ICAR/08

 

 

ICAR/09

 

ICAR/10

C

 

 

C

 

C

15

 

 

60

 

15

1,5

 

 

8

 

1,5

11

5

TECNICA URBANISTICA

 

ICAR/20

C

80

8

8

6

LEGISLAZIONE DELLE OO.PP. E DELL’EDILIZIA

 

IUS/10

A

40

4

4

7

MATEMATICA APPLICATA (ALL’ARCHITETTURA)

 

MAT/05

A

40

 

4

 

4

8

RILIEVO DELL’ARCHITETTURA

(CORSO INTEGRATO)

RILIEVO DELL’ARCHITETTURA

RILIEVO URBANO E AMBIENTALE

ICAR/17

 

ICAR/17

B

 

B

40

 

40

4

 

4

8

Totale

460

 

56

Quinto Anno

N.

ATTIVITA’ FORMATIVE

 

SSD

AF

ORE LEZIONE FRONTALE

CFU

TOT. CFU

1

VALUTAZIONE ECONOMICA DEI PROGETTI

 

ICAR/22

C

80

8

8

2

LABORATORIO DI SINTESI FINALE*

   

75

12

12

3

CONSIGLIATI 3

INSEGNAMENTI A SCELTA

   

150

15

15

TOTALE

295

 

35

  • I Laboratori di sintesi finale vengono istituiti dal Consiglio di Facoltà, su parere della Commissione Didattica di Facoltà, che ne definisce la correlazione con la Tesi di Laurea Specialistica.

    ALTRE ATTIVITA’ FORMATIVE

    N.

    ATTIVITÀ FORMATIVA

    ANNO DI CORSO

    OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

    CFU

    ORE LEZIONI FRONTALE

    1

    LINGUA INGLESE

    PRIMO

    ACCERTARE LA CONOSCENZA DELLA LINGUA STRANIERA SCRITTA E PARLATA

    3

     

    2

    PROVA FINALE

    QUINTO

    ACCERTARE LA PREPARAZIONE COMPLESSIVA DELLO STUDENTE

    15

     

    3

    LABORATORIO

    DI INFORMATICA

    PRIMO

    FORNIRE LE CONOSCENZE DI BASE DI

    INFORMATICA E LINGUAGGI DI

    PROGRAMMAZIONE

    3

    30

    4

    TIROCINI

    QUARTO

    E

    QUINTO

    CONOSCENZA DIRETTA DEL SETTORE LAVORATIVO

    9

     

    5

    LABORATORIO

    CAD

    PRIMO

    FORNIRE LE CONOSCENZE DI BASE RELATIVE AI SISTEMI DI COMPUTER AIDED DESIGN

    3

    30

    TOTALE CREDITI ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE

    33

    PROVE DI VERIFICA

    ANNO DI CORSO

    NUMERO

    PRIMO

    13

    SECONDO

    9

    TERZO

    9

    QUARTO

    8

    QUINTO

    5

    TOTALE PROVE DI VERIFICA

    44

    Tabella 2

    N.

    INSEGNAMENTI A SCELTA PROPOSTI DALLA FACOLTA’

    SSD

    AF

    ORE LEZIONE FRONTALE

    CFU

    TOT. CFU

    1

    CONTROLLO DELLA QUALITA’ EDILIZIA

    ICAR/10

    C

    60

    5

    5

    2

    DINAMICA DELLE STRUTTURE

    ICAR/08

    C

    60

    5

    5

    3

    STATICA E STABILITA’ DELLE COSTRUZIONI MURARIE E MONUMENTALI

    ICAR/08

    C

    60

    5

    5

    4

    ORGANIZZAZIONE DEL PROCESSO EDILIZIO

    ICAR/10

    C

    60

    5

    5

    5

    CHIMICA E TECNOLOGIA DEL RESTAURO

    ING-IND/22

    A

    60

    5

    5

    6

    TOPOGRAFIA

    ICAR/06

    C

    60

    5

    5

    7

    FOTOGRAMMETRIA

    ICAR/06

    C

    60

    5

    5

    8

    ANALISI DELLA CITTA’ E DEL TERRITORIO

    ICAR/21

    C

    60

    5

    5

    9

    RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE, URBANA E TERRITORIALE

    ICAR/21

    C

    60

    5

    5

    10

    ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

    ICAR/16

    C

    60

    5

    5

    11

    MUSEOGRAFIA

    ICAR/16

    C

    60

    5

    5

    12

    STORIA DELLA FOTOGRAFIA

    L-ART/03

    A

    60

    5

    5

    13

    GRAFICA

    ICAR/17

    B

    60

    5

    5

    14

    ARCHITETTURA DEI PARCHI E DEI GIARDINI

    ICAR/15

    C

    60

    5

    5

    15

    TECNICA DEL CONTROLLO AMBIENTALE

    ING-IND/11

    C

    60

    5

    5

    16

    ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO

    ICAR/15

    C

    60

    5

    5

    Tabella 3

    OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

    N.

    INSEGNAMENTO

    OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

    1

    CARATTERI DISTRIBUTIVI DEGLI EDIFICI

    L'insegnamento si propone di stabilire condizioni per poter progettare un edificio qualunque nel migliore dei modi.

    2

    LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA I +LABORATORIO INTEGRATIVO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA I

    Definizione e discussione del rapporto che nel procedimento di progetto si stabilisce tra momento analitico (della città, del territorio, dei tipi edilizi, ecc) e ipotesi di trasformazione.

    3

    STORIA DELL’ARTE MODERNA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    4

    STORIA DELL’ARCHITETTURA ANTICA

    Conoscenza della storia dell’architettura , nell’accezione più ampia del termine, nei momenti ed episodi fondamentali e nel quadro della storia politica, sociale e culturale.

    5

    MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI

    Individuazione e comprensione dei valori fondamentali del saper costruire, nell’ambito specifico degli elementi costruttivi.

    6

    MATEMATICA

    Fornire gli strumenti elementari di geometria analitica e algebra lineare.

    7

    ISTITUZIONE DI MATEMATICHE I

    Fornire gli strumenti del calcolo in una variabile.

    8

    DISEGNO

    I fondamenti geometrico descrittivi del disegno, le teorie e i metodi di rappresentazione anche nel loro sviluppo storico; la rappresentazione di base del progetto edilizio; gli elementi della modellazione informatica.

    9

    FISICA TECNICA

    Fornire le nozioni di base per l’analisi energetica dei sistemi ed acquisire le competenze teoriche ed operative nell’ambito del controllo energetico, dell’illuminazione naturale ed artificiale, e dell’acustica.

    10

    LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA II

    Eseguire il progetto di un organismo architettonico non complesso alle diverse scale di rappresentazione, controllando il processo di definizione formale in rapporto alle tecniche e ai materiali impiegati.

    11

    STORIA DELL’ARCHITETTURA MODERNA

    Esplorazione "critica" della Storia dell’Architettura e dell’Urbanistica moderna con particolare riferimento alla situazione Italiana.

    12

    STRUTTURE E STATICA NELL’ARCHITETTURA

    Acquisire i concetti fondamentali della statica e della resistenza dei materiali mediante loro significative applicazioni a strutture di interesse architettonico ed attraverso un esame del loro sviluppo storico.

    13

    LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL’ARCHITETTURA I +LABORATORIO INTEGRATIVO DI COSTRUZIONE DELL’ARCHITETTURA I

    Fornire agli allievi gli elementi di base per la conoscenza dei rapporti fra l’uso dei materiali, l’applicazione dei procedimenti tecnologici e la logica di organizzazione funzionale degli spazi, nello sviluppo di un’esperienza integrata di progettazione concernente i sistemi e gli elementi costruttivi.

    14

    ANALISI DEI SISTEMI URBANI

    Fornire gli elementi di base per la conoscenza dei rapporti tra l’uso dei materiali, l’applicazione dei procedimenti tecnologici e la logica di organizzazione funzionale degli spazi.

    15

    NORMATIVE URBANISTICHE

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    16

    ISTITUZIONI DI MATEMATICHE II

    Fornire gli strumenti del calcolo in più vari abili.

    17

    DISEGNO DELL’ARCHITETTURA

    Il disegno come linguaggio grafico, infografico e multimediale, applicato al processo progettuale dalla formazione dell’idea alla sua definizione esecutiva.

    18

    TEORIA DELLA COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    19

    LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA III

    Eseguire lo sviluppo esecutivo di un progetto di architettura alle diverse scale di approfondimento, sapendone controllare tutte le implicazioni in ordine ai problemi di concezione strutturale.

    20

    STORIA DELL’ARCHITETTURA CONTEMPORANEA

    Esplorazione "critica" della Storia dell’Architettura e dell’Urbanistica contemporanea con particolare riferimento alla situazione Italiana.

    21

    TEORIA E STORIA DEL RESTAURO

    Conoscere la storia della cultura del restauro e gli attuali fondamenti tecnici della conservazione.

    22

    SCIENZA DELLE COSTRUZIONI

    Fornire i concetti di base della meccanica dei solidi e le metodologie per l’analisi strutturale e le relative verifiche.

    23

    PROGETTAZIONE ESECUTIVA DELL’ARCHITETTURA

    Conoscere e saper utilizzare le metodologie e i principi teorici attraverso i quali si determinano e si organizzano fino alla definizione esecutiva le tecniche costruttive, impiantistiche e strutturali nei progetti architettonici..

    24

    LABORATORIO DI URBANISTICA + LABORATORIO INTEGRATIVO DI URBANISTICA

    Capacità di progettare specifici interventi di trasformazione urbana e di saper valutare gli effetti e i problemi di attuazione.

    25

    LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA IV

    Eseguire lo sviluppo esecutivo di un progetto complesso di architettura alle diverse scale di approfondimento, sapendone controllare tutte le implicazioni in ordine alla organizzazione delle tecniche costruttive e impiantistiche.

    26

    LABORATORIO DI RESTAURO ARCHITETTONICO

    +LABORATORIO INTEGRATIVO DI RESTAURO

    Saper redigere un progetto di conservazione dalla scala del singolo edificio a quella urbana e territoriale e definire il relativo programma di tutela e salvaguardia.

    27

    LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL’ARCHITETTURA II

    Apprendere e praticare le teorie e i metodi per calcolo, la verifica e la diagnostica strutturale delle costruzioni.

    28

    FISICA TECNICA

    AMBIENTALE

    Sviluppare la capacità di correlare le scelte progettuali impiantistiche a quelle architettoniche al fine di attivare un processo iterativo di controllo, che conduca ad una ottimizzazione complessiva.

    29

    TECNICA URBANISTICA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    30

    LEGISLAZIONE DELLE OO.PP. E DELL’EDILIZIA

    Comprensione dei principali meccanismi e dei più rilevanti soggetti che, dal punto di vista giuridico-istituzionale, fanno parte del contesto in cui si svolge l’attività di progettazione architettonica.

    31

    MATEMATICA APPLICATA (ALL’ARCHITETTURA)

    Fornire gli strumenti geometrico differenziali per lo studio di forme strumentali ed architettoniche.

    32

    RILIEVO DELL’ARCHITETTURA

    Il rilievo come strumento di conoscenza della realtà architettonica, ambientale, urbana, le sue metodologie dirette e strumentali, le sue procedure e tecniche, anche digitali, di restituzione metrica, morfologica, tematica.

    33

    VALUTAZIONE ECONOMICA DEI PROGETTI

    Acquisizione di conoscenze e tecniche capaci di qualificare i metodi di progettazione architettonica ed urbanistica, attraverso la valutazione critica delle risorse e delle possibili alternative progettuali.

    34

    LABORATORIO DI SINTESI FINALE

    Guida alla matura e completa preparazione di un progetto nei diversi campi dell’applicazione professionale, attraverso l’apporto di più settori scientifico disciplinari.

    N.

    INSEGNAMENTI A SCELTA PROPOSTI DALLA FACOLTA’

    OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

    SSD

    ORE

    LEZIONE FRONTALE

    CFU

    TOT. CFU

    1

    CONTROLLO DELLA QUALITA’ EDILIZIA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/10

    60

    5

    5

    2

    DINAMICA DELLE STRUTTURE

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/08

    60

    5

    5

    3

    STATICA E STABILITA’ DELLE COSTRUZIONI MURARIE E MONUMENTALI

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/08

    60

    5

    5

    4

    ORGANIZZAZIONE DEL PROCESSO EDILIZIO

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/10

    60

    5

    5

    5

    CHIMICA E TECNOLOGIA DEL RESTAURO

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ING-IND/22

    60

    5

    5

    6

    TOPOGRAFIA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/06

    60

    5

    5

    7

    FOTOGRAMMETRIA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/06

    60

    5

    5

    8

    ANALISI DELLA CITTA’ E DEL TERRITORIO

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/21

    60

    5

    5

    9

    RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE,URBANA E TERRITORIALE

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/21

    60

    5

    5

    10

    ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/16

    60

    5

    5

    11

    MUSEOGRAFIA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/16

    60

    5

    5

    12

    STORIA DELLA FOTOGRAFIA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    L-ART/03

    60

    5

    5

    13

    GRAFICA

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/17

    60

    5

    5

    14

    ARCHITETTURA DEI PARCHI E DEI GIARDINI

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/15

    60

    5

    5

    15

    TECNICA DEL CONTROLLO AMBIENTALE

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ING-IND/11

    60

    5

    5

    16

    ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO

    L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze di base della disciplina, in accordo con gli obiettivi formativi specifici del corso di laurea specialistica.

    ICAR/15

    60

    5

    5